Alessandro Cafiero

Categories: AIF,Interviste

  

ALESSANDRO CAFIERO

Formatore, Vice Presidente Nazionale AIF

Quali competenze saranno richieste dalle aziende nel futuro mercato del lavoro?

Vorrei cogliere favorevolmente la metafora delle cellule staminali, utilizzata dal XXX Convegno Nazionale AIF. Intendiamo perfettamente che tipo di compito hanno queste cellule, come vengono utilizzate nella medicina e come poi si sviluppano nel momento in cui vengono inserite nel corpo umano. Possiamo, quindi, pensare in modo analogo anche per le competenze del formatore. In una società come quella odierna forse le competenze “normali”, anche le stesse soft skill, sono sì sufficienti ma, probabilmente, è necessario qualcosa di più, c’è bisogno di rigenerare continuamente nuovi processi. Ecco che la metafora delle cellule staminali, riadattata nel nostro tempo al settore della formazione può significare aggiornarsi continuamente arricchendo la propria sfera professionale e creando la possibilità di rigenerare le nostre competenze.

AIF è un’associazione sorta nel 1975 ed è tuttora operativa dopo 43 anni di storia, anche trasformandosi nel tempo. È una comunità di professionisti che cerca sempre di sviluppare nuovi contenuti e nuovi contesti. Negli ultimi anni, in particolare, con l’avvento della Legge 4/2013, AIF ha deciso di fare un percorso molto particolare che l’ha portata all’iscrizione nella sezione del MISE delle associazioni professionali che rilasciano un attestato di qualità e qualificazione.

AIF, pertanto, si propone per i formatori associati come soggetto che garantisce il loro riconoscimento come professionisti qualificati e in possesso di appropriate competenze, che possono essere migliorate e aggiornate anche attraverso le numerose iniziative (nazionali e territoriali) che l’associazione periodicamente organizza.
Questi seminari, gli eventi nazionali, i premi per le aziende e altre iniziative possono continuamente portare il professionista a confrontarsi con altri colleghi e con il mondo che lo circonda, per migliorare le proprie competenze.


 

Torna all’elenco delle interviste

0
0