Andrea Berghi

Categories: AIF,Interviste

  


ANDREA BERGHI


Nato a Firenze il 02/07/1981, Consulente, RSPP, Formatore, Auditor in materia di Sicurezza nei luoghi di lavoro. La mia esperienza professionale, inizia nel 2009. In tutti questi anni ho acquisito sempre più conoscenze e competenze, fino a ricoprire il ruolo di Auditor e Consultant per quanto riguarda i sistemi di gestione. Attualmente ricopro l’incarico di RSPP e consulente per aziende leader nel territorio nazionale in numerosi settori (Logistica, Servizi, ITO, Tessile, Meccanica, Alimentare, Preziosi, Energia, Comunicazioni ecc …).

Un altro aspetto importante della mia professione è la formazione; negli ultimi 3 anni ho compiuto 600 ore c/a di formazione in aula, portando a compimento numerosi percorsi formativi. Mi ritengo una persona molto ambiziosa e consapevole delle proprie potenzialità e grazie alla mia esperienza e professionalità, cerco sempre di aumentare la cultura della sicurezza ed il livello di prevenzione in tutte le aziende di cui sono partner.

Quest’anno la riflessione che vorremmo proporre riguarda il nostro lavoro quotidiano e più nello specifico tre parole:
 
La prima parola è sentiero, inteso come percorso quotidiano di sviluppo e conoscenza.

La costante determinazione a raggiungere i propri obiettivi, realizzare i propri progetti ed esaudire i propri sogni, ci porta ogni giorno a cercare, trovare e scegliere la strada da percorrere e il giusto cammino da seguire. Non è sempre scontata e facile questa scelta! Spesso un piccolo dettaglio può fare la differenza e cambiare le sorti del nostro futuro e della nostra vita. Questo cambiamento ci conduce verso un sentiero, a tratti piacevole a tratti buio e impervio, talvolta caratterizzato da un limpido e rassicurante cammino e talvolta ricco di imprevisti, paure e perplessità. Questo viaggio, è il nostro viaggio, la nostra aspirazione, la nostra vita e diventa assai preziosa ogni piccola pausa e riflessione su come e perché siamo diretti verso questa meta e soprattutto se siamo in linea con quanto ci eravamo prefissati all’inizio. Tutto torna ?, Tutto combacia ?

Perfetto si continua così !!! Qualcosa non va ? Abbiamo sbagliato una scelta? Poco male si cambia strada, si cambia sentiero !
 
La seconda chiave è il qui ed ora, la consapevolezza, intesa come conoscenza delle proprie competenze.

Conoscersi a fondo, affidarsi alle proprie capacità e credere nei propri mezzi sono le tre frecce più importanti che una persona ambiziosa ha nel proprio arco. Ogni scelta che facciamo, ogni decisione da prendere è figlia della consapevolezza di noi stessi e del giudizio che quotidianamente ci diamo. Se il sentiero è importante perchè rappresenta la strada, la consapevolezza rappresenta il come affrontiamo questa strada. Dove mi trovo ? Qui … Quando ? Ora.
 
Infine il cardine su cui si svolge la nostra vita, anche professionale, l’alleanza.

Uno degli errori più importanti che ha caratterizzato i cammini delle persone è stato sicuramente la presunzione di riuscire a fare tutto da soli. Seguire un sentiero, avere la consapevolezza dei propri mezzi non bastano per affrontare la propri vita professionale. Inevitabilmente dobbiamo stringere alleanze, chiedere consiglio e consigliare, farsi aiutare nei momenti di difficoltà e aiutare quando ci viene chiesto, ma soprattutto dobbiamo saper ascoltare. Avere un alleato non significa essere deboli, ma bensì più forti; poter condividere le nostre esperienze ci dà la forza e la determinazione per andare avanti fino al raggiungimento del nostro obiettivo.


 

Torna all’elenco delle interviste

0