Barbara Baudissard

Categories: AIF,Interviste

  


BARBARA BAUDISSARD


Change Management Consultant, Founder Premium Attitude Project

Quest’anno la riflessione che vorremmo proporre riguarda il nostro lavoro quotidiano e più nello specifico tre parole:
 
La prima parola è sentiero, inteso come percorso quotidiano di sviluppo e conoscenza.

Sentiero mi fa venire in mente un ciottolato dentro un bosco. Mi fa venire in mente che non è importante solamente dove voglio arrivare ma anche la strada che mi consente di raggiungerlo e soprattutto la piacevolezza del costruire strade e spazi sempre più accattivanti per raggiungere la meta.
 
La seconda chiave è il qui ed ora, la consapevolezza, intesa come conoscenza delle proprie competenze.

La consapevolezza diventa un elemento fondamentale. Siamo stati tempestati dai concetti di multitasking, del fare tantissime cose in una volta e come tutti i bravi camminatori in montagna (io sono figlia di alpino quindi ne so qualcosa) bisogna riprendere il qui e ora nel momento del cammino. Quindi se il sentiero è tracciare un percorso, la consapevolezza è compiere i passi un po’ come se fosse una camminata mindfulness, cioè lo yoga in cammino e quindi la consapevolezza che ogni passo sia importante.
 
Infine il cardine su cui si svolge la nostra vita, anche professionale, l’alleanza.

L’alleanza mi fa venire in mente, visto che ho un bimbo di dieci anni, i supereroi, che fino a qualche anno fa si muovevano in maniera individuale e adesso invece hanno sempre più bisogno di mettersi insieme perché i poteri di uno non sono i poteri dell’altro e la straordinarietà di uno diventa complementare a quella dell’altro. La complessità non si può più affrontare da supereroe solo. Io per mio figlio sono Wonder Woman, ma mi dice anche che è un personaggio antico e quindi serve anche un supereroe più digitale, più innovativo. L’alleanza è questo, il vedere il supereroe in ognuno di noi ma sapere anche che non abbiamo tutti i superpoteri e che ci serve anche qualche superpotere prestato da altri.


 

Torna all’elenco delle interviste

0