Cinzia Michielan

Categories: AIF,Interviste

  


CINZIA MICHIELAN


Responsabile dell’ufficio Export di Coldiretti Veneto

Quest’anno la riflessione che vorremmo proporre riguarda il nostro lavoro quotidiano e più nello specifico tre parole:
 
La prima parola è sentiero, inteso come percorso quotidiano di sviluppo e conoscenza.

Per me sentiero significa percorso, che può essere personale, di vita piuttosto che un percorso a livello lavorativo e formativo, quindi qualcosa che ha un inizio rispetto all’esperienza da cui si parte e che si può migliorare crescendo, continuando. Può essere un percorso lineare oppure può cambiare direzione e prospettiva, in base anche all’esperienze che si fanno.
 
La seconda chiave è il qui ed ora, la consapevolezza, intesa come conoscenza delle proprie competenze.

Consapevolezza per me significa avere coscienza della situazione in cui si è in un determinato momento, che può essere a livello proprio, della propria persona piuttosto che una consapevolezza rispetto alle capacità che si hanno in ambito lavorativo, delle relazioni con le altre persone. È quindi capire da che punto si parte, come si vive in questo momento, come si affronta il qui e ora e come da lì si comincia ad affrontare tutto il resto.

 
Infine il cardine su cui si svolge la nostra vita, anche professionale, l’alleanza.

Alleanza, da un punto di vista professionale, anche in base a quello che faccio, è il rapporto che mi aspetto da un cliente, da un contatto, da una persona che mi chiede un servizio o un’informazione. Quindi mi aspetto che si crei un rapporto di fiducia in partenza, in modo che nei passi successivi che si andranno a fare, rispetto all’attività che si decide, ci sia un’alleanza in partenza, un rapporto di fiducia iniziale.


 

Torna all’elenco delle interviste

0