Elisabetta Castagneri

Categories: AIF,Interviste

ELISABETTA CASTAGNERI

 
 
Consulente – Libera Professionista

La maggior parte delle scoperte, dalle grandi innovazioni scientifiche agli step esperienziali della crescita di ognuno di noi, avvengono attraverso il continuo imbattersi in errori e ostacoli. La possibilità di sbagliare, se circoscritta a un contesto adeguato, è il motore del miglioramento personale. Ad esempio Cristoforo Colombo, imbarcandosi con le 3 caravelle nel 1492, ha colto l’episodio di serendipità più influente nella storia moderna: mirando a raggiungere le Indie, scoprì l’America. Nella serendipità, ovvero la possibilità di imbattersi in felici scoperte per puro caso, è determinante l’influenza della specifica realtà in cui si opera. Il compito del formatore è operare attraverso la centralità della persona, legando tramite l’apprendimento il contesto dello scenario socio-economico allo sviluppo umano.Attraverso quali pratiche il formatore può trasmettere alla persona i mezzi necessari per la crescita dell’individuo nella realtà locale?

Nel quotidiano è importante aver chiaro il proprio obiettivo ma essere anche capaci di perseguirlo senza perdere di vista le opportunità. Bisogna avere le idee chiare sul focus: “non c’è vento favorevole per il marinaio che non ha una meta”, tuttavia esiste la possibilità di fare una deviazione sul percorso, per poter cogliere nuove opportunità vantaggiose.


 

Torna all’elenco delle interviste

0
0