Emilio Bianco

Categories: AIF,Interviste

  


EMILIO BIANCO


Ufficio Nazionale LEGAMBIENTE

Quest’anno la riflessione che vorremmo proporre riguarda il nostro lavoro quotidiano e più nello specifico tre parole:
 
La prima parola è sentiero, inteso come percorso quotidiano di sviluppo e conoscenza.

Noi viviamo in una società che va sempre di corsa. Siamo pieni di stimoli che arrivano da tutte le parti, soprattutto per quanto riguarda i giovani. È molto difficile per loro, soprattutto di questi tempi, trovare la loro strada, il loro sentiero. In questo caso, ci sono figure come i formatori che possono lavorare su questo aspetto per aumentare la consapevolezza.
 
La seconda chiave è il qui ed ora, la consapevolezza, intesa come conoscenza delle proprie competenze.

La consapevolezza riguarda tematiche importanti e fondamentali di questi tempi, come le tematiche ambientali, perché non abbiamo più tempo. Il cambiamento climatico per quanto lo si possa negare, esiste e ci dobbiamo scontrare tutti i giorni. E’ un problema che affligge tutti noi ma saranno le nuove generazioni a pagare le conseguenze più gravi. I giovani, come possiamo anche vedere adesso dal movimento “Fridays for Future”, ne sono consapevoli.
 
Infine il cardine su cui si svolge la nostra vita, anche professionale, l’alleanza.

Per quanto noi prima potessimo pensare che i ragazzi e gli adolescenti stessero sempre sul cellulare, fossero individualisti e che non gliene importasse niente, abbiamo invece visto come, grazie a una ragazza di sedici anni e alla sua protesta, si sia scatenata una rivolta, un movimento mondiale, di chiamata alle armi, per combattere e mitigare questo fenomeno. Sono convinto che questa generazione abbia gli strumenti e la consapevolezza per farlo rispetto alle generazioni precedenti.


 

Torna all’elenco delle interviste

0