Emilio Occhiuzzi

Categories: AIF,Interviste

  


EMILIO OCCHIUZZI


Direttore Centrale per la Formazione C.N.VV.F.

Quest’anno la riflessione che vorremmo proporre riguarda il nostro lavoro quotidiano e più nello specifico tre parole:
 
La prima parola è sentiero, inteso come percorso quotidiano di sviluppo e conoscenza.

Un percorso formativo lungo 80 anni, la consapevolezza della vocazione all’altruismo e l’alleanza nella squadra, con i cittadini senza distinzione alcuna, con le cose, che siano semplici case, monumenti storici o patrimonio artistico, con la natura gli animali e il territorio.
Il 27 febbraio 2019 il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco ha compiuto 80 anni. Sono stati 80 anni caratterizzati da attività, al servizio del cittadino, finalizzate “a tutelare l’incolumità delle persone e la salvezza delle cose, mediante la prevenzione e l’estinzione degli incendi, ivi compresi gli incendi boschivi, su tutto il territorio nazionale”.
In questi anni di continua crescita e trasformazione del contesto sociale, normativo, territoriale, tecnologico, culturale, i Vigili del Fuoco hanno mantenuto lo spirito di abnegazione e solidarietà che li ha sempre contraddistinti, adeguandosi e rinnovandosi, per far fronte al cambiamento, attraverso una costante fondamentale: la formazione del personale permanente e volontario.

 
La seconda chiave è il qui ed ora, la consapevolezza, intesa come conoscenza delle proprie competenze.

Una formazione professionale completa, costante ed uniforme affidata alla Direzione Centrale per la Formazione, che si concretizza attraverso la progettazione e la realizzazione di corsi specifici che interessano tutto il personale dirigente, direttivo, operativo tecnico, logistico gestionale ed informatico, secondo programmi definiti. Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco punta e crede nella validità della formazione professionale come strumento strategico che assicuri l’efficacia del soccorso anche nelle condizioni più difficili ed, al contempo, la massima sicurezza del proprio personale. Pur nella diversificazione dei contenuti tecnici e specialistici di ogni corso, esistono oggi modalità comuni e nuove tecniche di apprendimento con l’uso degli strumenti digitali che possono rendere più accattivante i corsi di formazione.
Inoltre, un’organizzazione complessa come quella del Corpo Nazionale, articolata dal centro a tutto il territorio nazionale, comporta che, tra le sue strutture interne, avvenga un articolato flusso di informazioni e di dati, che devono essere adeguatamente gestiti ai fini del corretto svolgersi delle procedure. Una parte importante di queste informazioni e dati è trasmessa attraverso documenti, per la gestione dei quali può rivestire un’importanza strategica l’utilizzo di appropriati strumenti informatici. Fattori organizzativi e culturali spingono all’innovazione della didattica tradizionale, integrata anche con altre metodologie: outdoor training, per lasciare ai discenti lo spazio necessario per mettere alla prova le proprie idee, favorendo il lavoro cooperativo e la discussione di gruppo. In questo scenario l’aula tradizionale non viene “svalutata”, al contrario si riposiziona nello spazio privilegiato del confronto, dell’esperienza, delle simulazioni, del lavoro su casi concreti, tecnica applicata anche ai corsi per neo Dirigenti.

 
Infine il cardine su cui si svolge la nostra vita, anche professionale, l’alleanza.

La formazione a distanza (e-learning, FAD e FAD assistita) è utilizzata per contenuti codificati in modo rigoroso (di natura soprattutto tecnica, nuove leggi, norme, procedure). Se da un lato offre il vantaggio della flessibilità e personalizzazione dei percorsi nell’ottica dell’autoformazione, dall’altro lato è richiesta ai partecipanti una maggiore responsabilità e motivazione all’apprendimento, che organizzano la propria formazione secondo i propri tempi e singole esigenze, essendo la piattaforma accessibile in qualunque luogo, anche da casa.

Un percorso formativo consapevole, che ogni giorno da 80 anni crea alleanza e associa i Vigili del Fuoco agli eroi nazionali dei libri di storia.


 

Torna all’elenco delle interviste

0