Flaminia Fazi

Categories: AIF,Interviste

  


FLAMINIA FAZI


Executive Coach e Leadership Awakener CEO U2COACH e The Performance Solution

Quest’anno la riflessione che vorremmo proporre riguarda il nostro lavoro quotidiano e più nello specifico tre parole:
 
La prima parola è sentiero, inteso come percorso quotidiano di sviluppo e conoscenza.

Ricordo quando da adolescente ho consapevolmente avviato il mio cammino sul sentiero che mi ha condotto ad essere la persona che sono oggi, e che per certo non sarò già più domani. Inizialmente guidata dal desiderio di stare meglio con me stessa, poi da quello di trovare la mia strada professionale, è stato un continuo accelerare il passo, prendendomi la responsabilità del mio impatto sugli altri, sui clienti. Scegliendo la professione di coach come elettiva è diventato fondamentale per me essere sempre congruente con la mia missione professionale. Questo per poter onestamente proporre a degli adulti ben funzionanti di mettersi in discussione e di elaborare delle trasformazioni personali finalizzate ad allineare capacità e competenze alle aspettative ambiziose del mondo del business. Ho ritenuto che la mia crescita professionale e personale non dovesse mai trovare una stasi e che fosse mio dovere darmi sempre degli obiettivi di sviluppo capaci di portarmi a livelli ulteriori di consapevolezza e competenza, con ritmo quotidiano. Ogni giorno mi impegno ad essere una Flaminia migliore del giorno precedente, e questa guida interna accompagna tutte le mie scelte.

 
La seconda chiave è il qui ed ora, la consapevolezza, intesa come conoscenza delle proprie competenze.

Senza consapevolezza si vive come un elefante in un negozio di cristalli. Coltivarla non è particolarmente difficile, ma richiede un impegno quotidiano a mantenere vivo il senso di realtà, anche ed in particolare rispetto a se stessi. Questa operazione è controintuitiva, ed è per questo che la troviamo al centro di tutte le pratiche di sviluppo psicologico e spirituale. Siamo naturalmente ingannati dal nostro funzionamento psicologico e mentale che funziona per imprinting e tende a proiettare ciò che non è su ciò che è. Coltivarla e stimolarla negli altri migliora la qualità della vita. Prendo ad esempio il Coaching, metodologia costruita per accelerare il miglioramento nelle persone, che alla sua base ha la consapevolezza e la responsabilità, come assi portanti dell’efficacia individuale. La responsabilità non è altro che un derivato della consapevolezza: quando si diventa consapevoli di sé ci si assume la responsabilità di se stessi e del proprio impatto sul mondo. La consapevolezza ha effetti importanti su tutti i livelli. E’ l’antidoto alla manipolazione inconscia della realtà che rende tossiche le relazioni anche nei contesti lavorativi e fa disperdere le migliori energie che invece dovrebbero essere messe a servizio degli obiettivi organizzativi.
So per esperienza che richiede il coraggio di risvegliarsi e la forza di affrontarsi per quello che si è invece di illudersi di essere ciò che non si è, tuttavia è il migliore alleato della propria efficacia nella vita.

 
Infine il cardine su cui si svolge la nostra vita, anche professionale, l’alleanza.

Alleanza è mettersi sullo stesso piano dell’altro in modo collaborativo, con fiducia, riconoscendogli la capacità di contribuire sul nostro stesso livello. L’alleanza è quella che costruisco con ogni persona che incontro e con cui lavoro, ponendomi nella relazione “io sono ok, tu sei ok”, con la curiosità di scoprire quale sarà il risultato alchemico dell’unione delle nostre intelligenze e con l’apertura ad affrontare il non conosciuto che ne potrà derivare. Oltre ad essere un principio guida per la mia professione, è un tema che affronto spesso anche quando nella formazione manageriale accompagno a riflettere sui presupposti di un buon manager coach, da seguire ed anche da infondere. E’ una strada a due vie in cui lo scambio rafforza il senso di efficacia e stimola a dare il meglio di sé che potenzia i risultati in qualsiasi tipo di relazione.


 

Torna all’elenco delle interviste

0