Francesco Rappoccio

Categories: AIF,Interviste

  

FRANCESCO RAPPOCCIO

Formatore,Orientatore,Project Manager

Che vantaggi può offrire la Gamification a livello esperienziale?

Uno dei concetti dal quale ormai non si può prescindere in ambito organizzativo è quello di “employee engagement”. I vantaggi sono legati al coinvolgimento attivo nel processo organizzativo dell’impresa da parte dei lavoratori che riescono ad instaurare relazioni sempre più autentiche fra lavoratori e con la propria dirigenza. Credo che le difficoltà siano sempre di natura gerarchica perché per coloro che ricoprono incarichi apicali è molto complesso “mettersi nei panni degli altri”.
 

Quali strategie un’azienda oggi può adottare per il Well-Being della persona?

Il Well Being può essere organizzato attraverso una serie di attività che rendano più agevole il raggiungimento della salute e benessere dei lavoratori. Ovviamente, tali benefit o servizi vanno studiati appositamente per i dipendenti della specifica azienda, perché cambiano a seconda del contesto di riferimento e devono essere costruiti, coinvolgendo ogni ramo dell’organizzazione aziendale. Banalmente, basterebbe anche introdurre le classiche misure di welfare aziendale, come la flessibilità oraria, la conciliazione lavoro-famiglia, le convenzioni con attività commerciali esterne e lo Smart Working.

 

Quali competenze saranno richieste dalle aziende nel futuro mercato del lavoro?

Secondo Guthrie-Jensen, siamo alla soglia della Quarta Rivoluzione Industriale e lo si comprende dalle novità – di portata mondiale – che hanno già fatto capolino nelle nostre vite. I “nostri” ragazzi vanno più veloce di noi e non possiamo non confrontarci con l’intelligenza artificiale, l’internet delle cose, i veicoli che si guidano da soli, le nanotecnologie, l’energia rinnovabile, l’elaborazione di dati quantistici e la biotecnologia. E mentre noi parliamo si saranno aggiunte altre competenze che non esistevano qualche minuto fa. Per facilitare tutto questo serve molta curiosità e disponibilità a mettersi in gioco.


 

Torna all’elenco delle interviste

0
0