Giovanna Combatti

Categories: AIF,Interviste

  

GIOVANNA COMBATTI

Amministratore unico e responsabile aziendale di Niederdorf Italia

Che vantaggi può offrire la Gamification a livello esperienziale?

La Formazione esperienziale coinvolge immediatamente le persone, abbatte le barriere e quindi consente di trasferire in maniera molto rapida i messaggi. Diciamo che spesso ci possono essere delle attese, rispetto alle persone, e qui la formazione esperienziale utilizza tra virgolette lo strumento del gioco, quindi quell’aspetto simpatico che può coinvolgere le persone e stimolarle ad interagire con gli altri. Ad esempio per cimentarsi nella risoluzione di un problema o quant’altro, diciamo che può essere uno strumento importantissimo ai fini di provocare il cambiamento atteso.

 

Quali strategie un’azienda oggi può adottare per il Well-Being della persona?

Per quanto riguarda il tema dello smart work, giustamente collegato al tema del benessere aziendale, trovo che oggi la persona sia già in possesso di tutti gli strumenti tecnologici disponibili e di conseguenza è abilitata a portare avanti le proprie attività lavorative e professionali anche non necessariamente basandosi sulla presenza in ufficio e quindi in questo senso utilizzando degli altri spazi che sono diversi rispetto a quelli più tradizionali.

Questo aspetto è importante perché può anche creare maggiore produttività, insomma gli studi lo stanno già dimostrando, le persone hanno una capacità di concentrarsi maggiore e dall’altro punto di vista potrebbero esserci anche degli altri benefici, perché chi lavora da lontano non direttamente a contatto con i propri collaboratori o capi, generalmente tende a incrementare il rapporto con i colleghi.

 

Quali competenze saranno richieste dalle aziende nel futuro mercato del lavoro?

Tema difficilissimo quello dei giovani e delle nuove competenze, senz’altro quello che può essere il loro contributo è portare idee e soluzioni innovative, quindi interpretare i problemi in modo assolutamente inusitato e diverso avvalendosi delle proprie competenze di nativi digitali.

D’altra parte queste figure sono portatrici di una maggiore capacità di adattabilità alle situazioni, quindi in un periodo di grandi cambiamenti sapranno senz’altro reagire a tutti quelli che sono gli stimoli lavorativi con maggiore flessibilità, e questo è senz’altro un elemento che può essere attrattivo per le aziende. Quindi ancora una volta il collegamento con tutto ciò che è esperienziale dal punto di vista della formazione può favorisce l’ingaggio di queste persone.


 

Torna all’elenco delle interviste

0
0