Giuseppe Romita

Categories: AIF,Interviste

  


GIUSEPPE ROMITA


HR Manager
29 anni, barese, laureato in Economia.
Insaziabile viaggiatore, appassionato di tecnologia e risorse umane. Dopo diverse esperienze all’estero torno in Italia ed inizio la mia carriera nel campo delle risorse umane in un’azienda di Marketing, facente parte di un network internazionale. Mi occupo della fase di selezione, della formazione e dell’organizzazione di viaggi (formativi e ricreativi) per i nostri collaboratori.

Quest’anno la riflessione che vorremmo proporre riguarda il nostro lavoro quotidiano e più nello specifico tre parole:
 
La prima parola è sentiero, inteso come percorso quotidiano di sviluppo e conoscenza.

Il sentiero, per sua natura, è un percorso già battuto in passato da altri che, come noi, hanno affrontato gli stessi ostacoli per raggiungere la medesima meta. Compito di un HR è indicare il miglior sentiero in base alle attitudini ed alle ambizioni dei nostri collaboratori o invogliarli a tracciarne altri affrontando insieme i nuovi ostacoli.

 
La seconda chiave è il qui ed ora, la consapevolezza, intesa come conoscenza delle proprie competenze.

La consapevolezza dei valori aziendali da parte di tutti i collaboratori è fondamentale per avere una visione congiunta e lineare dell’attività della stessa. Essere consapevoli di quello che si vuole e quello in cui l’azienda crede è la base di una collaborazione proficua e duratura.

 
Infine il cardine su cui si svolge la nostra vita, anche professionale, l’alleanza.

“L’unione fa la forza”, un detto antichissimo che risale all’Impero Romano. Oggi ancora attualissimo. Una squadra affiatata e una rete di contatti mirati sono il punto di partenza per essere competitivi, confrontarsi, cercare nuovi spunti e valutare nuove idee. Tutti con un unico obiettivo, tutti che remano nella medesima direzione. È indispensabile essere circondati da collaboratori che hanno diversi punti di vista per permetterci di avere dubbi, tentare nuovi sentieri e cercare nuove soluzioni. Insieme è meglio!


 

Torna all’elenco delle interviste

0