Vincenzo Niccoli

Categories: AIF,Interviste

  


VINCENZO NICCOLI


Trainer, Mental Coach e Fundraiser

Quest’anno la riflessione che vorremmo proporre riguarda il nostro lavoro quotidiano e più nello specifico tre parole:
 
La prima parola è sentiero, inteso come percorso quotidiano di sviluppo e conoscenza.

Credo che dovremmo fare delle riflessioni di questi tempi. Sicuramente la prima riflessione è sulla capacità di essere concentrati su quello che stiamo facendo, sulla mindfulness. È importante avere un sentiero, un percorso, quindi capire dove siamo diretti.
 
La seconda chiave è il qui ed ora, la consapevolezza, intesa come conoscenza delle proprie competenze.

Prima di tutto, per fare questo, dobbiamo essere consapevoli di dove siamo ora per sapere dove vogliamo arrivare e in questo sicuramente la formazione può essere di grosso aiuto.
Si parla tanto oggi di mindfulness e molti la collegano alla meditazione. In realtà non è così. La mindfulness è un atteggiamento che ti permette di essere vivo e focalizzato nel qui e ora. Noi molto spesso, durante la giornata, ci dedichiamo a tante cose ma le facciamo in modo automatico e quindi perdiamo la lucidità del presente, della focalizzazione.

 
Infine il cardine su cui si svolge la nostra vita, anche professionale, l’alleanza.

Si parla tanto dei giovani, del fatto che non siano facili da coinvolgere, ma abbiamo visto in questi giorni come una ragazzina abbia coinvolto sul tema dell’ecologia, che è un tema molto importante, tantissimi ragazzi. Sicuramente la cosa più importante è proprio questa: dare uno scopo e una visione a questi ragazzi di oggi, perché senza la motivazione, senza il motivo per cui loro sono portati a fare un’azione è molto difficile coinvolgerli in tante cose. Quindi, sicuramente, questo discorso dell’alleanza, dello stare insieme, di essere coinvolti tutti verso un obiettivo comune ci permette di progredire e di andare avanti.


 

Torna all’elenco delle interviste

0