Sara Bordo

Categories: AIF,Interviste

  

SARA BORDO

Mental Coach

Che vantaggi può offrire la Gamification a livello esperienziale?

Sono laureata in psicologia per il benessere, mi occupo di sport a 360 gradi seguo dei professionisti e società sportive, ho creato PERFORM-UP la prima applicazione di mental training, che è impostata per utilizzare le tecnologie per potenziare le abilità delle persone, nel mio caso nell’ambito sportivo, ma anche in altri settori come l’educazione degli adolescenti.
Quando si fanno delle esperienze concrete l’apprendimento è molto maggiore perché le persone riescono ad entrare nelle situazioni e non subire la disparità che può frapporsi tra maestro e allievo. Questa disparità può portare anche alla diminuzione dell’interesse, invece quando la persona è inserita, a livello esperienziale, questo aumenta sicuramente l’engagement ed è quello che ultimamente cercano di fare le corporate university, con nuovi corsi, nuove strutture per evitare che si crei dislivello tra le persone.

 

Quali strategie un’azienda oggi può adottare per il Well-Being della persona?

Sicuramente quando le persone stanno bene all’interno della propria azienda la produttività aumenta, quindi l’utilizzo delle tecnologie e lo smart working sono alcune delle soluzioni che spesso vengono adattate all’interno delle aziende. Personalmente credo all’utilizzo delle tecnologie in senso positivo, per potenziare le abilità, ma anche per avvicinare le persone all’innovazione in modo intelligente e proficuo.

 

Quali competenze saranno richieste dalle aziende nel futuro mercato del lavoro?

Oggi per l’azienda o se si è liberi professionisti, il fatto di essere diversi e proporre qualcosa di alternativo ed efficace, possibilmente con delle evidenze scientifiche, può rappresentare un’importante aspetto di innovazione, e quindi di engagement.

Per ottenere nuove competenze è importante che le persone siano costantemente aggiornate in modo da ricercare spunti innovativi anche attraverso l’utilizzo di tecnologie digitali.


 

Torna all’elenco delle interviste

0
0