Caterina Leone

Categories: AIF,Interviste

  


CATERINA LEONE


Training Manager – Newpeople Team
Training Manager, con esperienza in realtà aziendali complesse. Ho svolto la mia attività, nel settore pubblico e privato. Le mie esperienze lavorative riguardano tematiche relative alla formazione del personale, all’organizzazione ed alla docenza nell’ambito di progetti formativi aziendali e interaziendali, alla gestione di attività di formazione finanziata oltre che a docenze in ambito universitario e post-universitario. Attiva nel settore delle organizzazioni aziendali, ed esperta di modelli organizzativi del D. Lgs. n. 231/2001.

Quest’anno la riflessione che vorremmo proporre riguarda il nostro lavoro quotidiano e più nello specifico tre parole:
 
La prima parola è sentiero, inteso come percorso quotidiano di sviluppo e conoscenza.

Ritengo che il “Sentiero” da percorrere sia quello del non fermarsi nel migliorare le abilità già acquisite e di sviluppare nuove competenze, in modo da essere in grado di gestire qualsiasi cambiamento o imprevisto nella propria vita professionale e di riflesso in quella personale. La chiave e’ non smettere mai di aver voglia di imparare, tendendo allo sviluppo di una sempre maggiore consapevolezza e quindi maggior sicurezza in sé stessi e fiducia verso le proprie potenzialità.

 
La seconda chiave è il qui ed ora, la consapevolezza, intesa come conoscenza delle proprie competenze.

Credo che attraverso la consapevolezza si sviluppino capacità e qualità personali che caratterizzano il modo di essere di ogni persona nel lavoro e nella vita quotidiana. L’acquisizione di ciascuna favorisce lo sviluppo di tutte le altre, dando voce al proprio valore ed imparando a riconoscere quello degli altri. Qui ed ora è sinonimo di consapevolezza degli aspetti psicologici, nella loro interconnessione, dello sviluppo della sensibilità verso tutti i parametri personali, lavorativi e sociali che impattano sul proprio “sentire. Qui ed ora per imparare a vivere il presente, per verificare la validità delle azioni intraprese e trovare la direzione giusta per la realizzazione dei propri obiettivi e di quelli aziendali.

 
Infine il cardine su cui si svolge la nostra vita, anche professionale, l’alleanza.

La situazione emergenziale che ci ha investito ha reso ancor più evidente la necessità di adottare criteri di organizzazione che abbiano come cardine la collaborazione interna tra funzioni aziendali ed esterna tra imprese come valore aggiunto in termini di maggior efficienza e competitività, avendo come obiettivo finale quello di accrescere la reciproca capacità di essere uniti ed innovativi. Condividere diventa la parola chiave per sviluppare la capacità di rispondere in modo efficace anche ai cambiamenti lavorativi ed alle situazioni inattese.


 

Torna all’elenco delle interviste

0