Gianluigi Magarini

Categories: AIF,Interviste

  


GIANLUIGI MAGARINI


Consulente aziendale e Formatore indipendente

Quest’anno la riflessione che vorremmo proporre riguarda il nostro lavoro quotidiano e più nello specifico tre parole:
 
La prima parola è sentiero, inteso come percorso quotidiano di sviluppo e conoscenza.

Questa parola richiama l’immagine del viaggiatore che segue un percorso tracciato da altri, ma anche
quella dell’investigatore che costruisce un percorso sulla base di nuovi indizi. Ognuno ha la possibilità di
aggiornare continuamente il proprio cammino professionale, se mantiene sempre un atteggiamento di
curiosità e ricerca di miglioramento, capitalizzando al meglio tutte le circostanze formative.

 
La seconda chiave è il qui ed ora, la consapevolezza, intesa come conoscenza delle proprie competenze.

L’importanza degli obiettivi non deve far dimenticare che gli stessi possono e devono essere modificati in
funzione della progressiva presa di coscienza delle competenze e delle attitudini specifiche dell’individuo.
Il benessere personale si realizza in un ambiente aziendale che promuove una formazione personale, che
sia fatta propria e quindi tale da risultare utile anche al variare degli obiettivi di riferimento.

 
Infine il cardine su cui si svolge la nostra vita, anche professionale, l’alleanza.

Pensiamo subito al lavoro di gruppo che favorisce la cooperazione, opposto all’individualismo che conduce
all’isolamento, ma facciamo attenzione al fatto che le alleanze si creano sempre tra entità separate. La vera
sfida è riuscire a far convergere le singole capacità individuali verso un obiettivo comune, attraverso una
formazione professionale che stimoli la collaborazione e la condivisione dei singoli successi..


 

Torna all’elenco delle interviste

0